Lega Italiana Pallamano Maschile

Le notizie dal mondo della pallamano

L'Alpe Adria Cup potrebbe conoscere una seconda primavera

Venerdì, 03 Marzo 2017

L'Alpe Adria Cup potrebbe conoscere una seconda primavera

  


da sinistra Thomas Berger (General Manager della Liga Austriaca) Michael Wiederer (Presidente EHF), Markus Glaser (responsabile dei progetti straordinari EHF) e Stefano Podini (Presidente LIPam)

Vienna 03.03.2017 – Il Presidente della LIPam (Lega Italiana Pallamano Maschile) Stefano Podini ha presentato oggi a Vienna alla EHF, unitamente al General Manager della Liga austriaca Thomas Berger, il progetto dell’Alpe Adria Cup per club. 

Per la EHF erano presenti il Presidente Michael Wiederer ed il responsabile dei progetti straordinari Markus Glaser.

L’idea è quella di introdurre un torneo durante il “periodo morto” di gennaio tra i club di Italia, Austria, Svizzera e Slovenia che presenteranno rispettivamente due club all’evento. 

L’iniziativa è stata accolta con grande favore dal Presidente Wiederer, il quale ha affermato che tutti questi tornei ed eventi non possono che essere utili al movimento della pallamano.

Wiederer ha ribadito inoltre che l’evento dovrà essere organizzato e concordato  tra le rispettive Leghe e Federazioni e che la EHF darà volentieri il patrocinio dell’evento ed un concreto aiuto per la fase di impostazione, di coordinamento e di programmazione in modo da renderlo compatibile con tutti gli eventi già esistenti dei singoli club e delle rappresentative delle nazionali. 

“L’idea del progetto è nata durante l’ultima riunione della EPHLA che si è svolta a Parigi a novembre 2016 ed ha un triplice obiettivo” afferma Stefano Podini “innanzitutto vogliamo dare ai “Club minori” una opportunità di svolgere attività internazionale in un periodo di riposo per tutte le nazioni scegliendo un week end di gennaio (preferibilmente il week end prima delle finali dei campionati europei o mondiali che si svolgeranno in quel periodo). Oltre ai club  viene data naturalmente l’opportunità di una esperienza internazionale anche alle coppie arbitrali dei singoli paesi; infine vogliamo creare un prodotto attrattivo per i media e gli sponsor.”

Adesso la palla passa alle singole Federazioni e Leghe che dovranno concordare i dettagli di questa interessante iniziativa che potrebbe ridare splendore alla famosa Alpe Adria Cup che si svolgeva negli anni ‘70 e ‘80 tra le nazionali juniores dei rispettivi paesi coinvolti nel progetto.